Cosa fare dopo il diploma o università?

Photo by Andrea Piacquadio / Pexels 

La fine delle superiori è sempre accompagnata dalla fatidica domanda: cosa farò
dopo il diploma?
Le strade da intraprendere possono essere miliardi. Ci si districa tra la possibilità di cercare un lavoro, di continuare gli studi andando all’università. Si rischia di sentirsi persi, di cadere nel panico, perché si pensa che, una volta deciso, poi, non si possa più cambiare. In realtà, però, non è così: anche cambiare percorso strada facendo è una opzione. Non sempre, infatti, a 18 anni si sa per certo cosa si vuole diventare, cosa si vuole fare da grandi. Anzi, lasciatevelo dire: è molto più normale non saperlo! Proprio per questo oggi cercheremo di mostrarvi alcune delle tante possibilità che si possono analizzare una volta finite le superiori.


Cosa fare dopo il diploma: continuare a studiare


L’Università è solo una opzione per continuare gli studi dopo il diploma. E, anche in quel caso, le scelte che si possono fare sono diverse. Si può optare per una laurea di primo livello della durata di tre anni, da integrare eventualmente con una specializzazione di due. Oppure si può scegliere un percorso a ciclo unico, di cinque anni, o sei come può essere architettura o medicina. C’è poi anche una terza via: percorsi formativi ad alta specializzazione tecnologica che, solitamente, durano in media due anni. In questi casi la formazione è finanziata da aziende e istituzioni, così da ridurre i costi per gli studenti, e si punta a preparare in modo pratico e veloce a professioni qualificate. Il 30% del corso, infatti, consiste in un’esperienza lavorativa in azienda. Non tutti i corsi, comunque, durano due anni: ce ne sono alcuni, infatti, più brevi, ma in grado comunque di prepararvi a tutto tondo per il mondo del lavoro. Quelli proposti da Develhope ne sono una chiara dimostrazione.


Cercare lavoro dopo il diploma


L’università, quindi, non è l’unica opzione dopo il diploma. Alcune persone
preferiscono iniziare subito a lavorare, guadagnare e diventare indipendenti.
E questo può aiutare anche a farsi una prima idea del lavoro attraverso l’esperienza. Tra l’altro di solito questa è la scelta più comune dopo un diploma professionale, anche perché chi lo possiede può puntare a settori come il
commercio, il metalmeccanico, il turismo o il made in Italy. Con un diploma tecnico o di liceo il settore che offre le migliori possibilità è invece quello dei servizi. In questo caso, però, il rischio è quello di interrompere il percorso formativo e limitare le prospettive future, rimanendo bloccati in posizioni meno qualificate.

Veniamo quindi alla domanda principale: come decidere che lavoro fare dopo le superiori. Sicuramente partire dai propri interessi può essere utile. Non sempre, però, è semplice riuscire a trovare una connessione chiara tra ciò che stimola la nostra curiosità e un lavoro specifico. Uno strumento utile per capire meglio come muoversi sono i test psicoattitudinali, che partendo da preferenze,

personalità e competenze individuali indicano una o più aree lavorative possibili.
Anche perché seguire esclusivamente la propria passione può essere rischioso, in
particolare in settori come quello artistico o creativo nei quali c’è molta competizione. Per questo è fondamentale capire bene anche a cosa si va incontro,
agli eventuali ostacoli, e alle opportunità che il mercato offre.


Scegliere un lavoro in base alle richieste del mercato

Fare un’analisi dell’effettiva richiesta da parte delle aziende, poi, può essere utile per capire che lavoro scegliere di fare dopo il diploma. Due settori che in questo momento si trovano in netta espansione sono, senza ombra di dubbio, quello digitale e quello della transizione ecologica. Nei prossimi anni si prevede inoltre una richiesta di tecnici specializzati nei campi della meccanica, del tessile, della chimica e dell’alimentare.


In conclusione, quindi, come fare a decidere cosa fare dopo il diploma?
Probabilmente, il consiglio migliore è quello di cercare un giusto equilibrio tra i
propri interessi e le richieste del mercato. Riuscire a connettere la soddisfazione
personale e la stabilità finanziaria, infatti, è l’obiettivo vincente.

Saveria Spezzano

Saveria Spezzano

Marketing Team Develhope