Chi è il software developer? Formazione lavoro e competenze

Photo by Luke Peters / Unsplash

Quello del software developer è un mestiere che sta trovando una crescente applicazione nel presente e, allo stesso tempo, è proiettato verso il futuro e il miglioramento. Il suo ruolo è strettamente collegato alla realizzazione e al buon andamento di programmi per PC, tablet e smartphone, per i quali sono richiesti standard sempre più elevati di funzionalità, efficienza e leggerezza.

Ma i compiti di tale figura professionale non si esauriscono con la pianificazione e la scrittura del codice, poiché interviene anche dopo l'attività di sviluppatore in senso stretto. Deve verificare che tutto vada bene: corregge eventuali errori del sistema in corso d'opera, elabora aggiornamenti in modo da prevenire ulteriori bug e si occupa di redigere istruzioni per l'utente finale. Inoltre lavora anche nelle fasi iniziali per confermare o meno la fattibilità del progetto.

Di seguito il lettore potrà conoscere nel dettaglio il software developer: cosa fa, le competenze da acquisire, la formazione richiesta, le opportunità di guadagno da dipendente e con la libera professione.

Cosa fa un software developer?

Qualcuno si domanderà: "Ma il software developer chi è?". Per capire le mansioni di uno sviluppatore, bisogna prestare attenzione al termine software e al suo significato. Con questa parola (entrata ormai da tempo nel linguaggio comune) si definiscono le componenti informatiche non necessariamente legate all'hardware (elementi fisici di strumentazioni e periferiche), quindi a tutto ciò che è intangibile. Di seguito è disponibile qualche esempio di software:

sistemi operativi

programmi per elaborazione dati, testi, grafici, modifica immagini, etc...

browser per la navigazione

• servizi per scaricare la posta elettronica

• app di messaggistica istantanea

• strumenti per l'acquisizione di screenshot (strumenti di cattura)

videogiochi

calcolatori

Alcuni software riescono a eseguire il lavoro per il quale sono predisposti in maniera del tutto autonoma (applicativi), mentre altri hanno bisogno del collegamento all'hardware (supporto al sistema) e altri ancora integrano una o più funzioni (di utilità).

Tra i compiti più frequentemente portati avanti dal software developer vale la pena ricordare la progettazione e la scrittura del codice sorgente, ossia il cuore del lavoro di questa figura professionale. Nella fase di pianificazione collabora con l'analista funzionale o direttamente con il cliente, in modo da reperire le informazioni necessarie e operare in base ad esse.

Dopo aver scritto il codice nel linguaggio richiesto, l'attività dello sviluppatore continua con test di verifica delle funzionalità, combinazione delle varie parti del software secondo un filo logico (integrazione), stesura di manuali d'uso e manutenzione periodica, sia programmata sia su commissione.

I siti web sono software?

In realtà no, poiché la progettazione e la realizzazione dei websites fanno parte dell'area di sviluppo web. Per quest'ultimo settore occorre distinguere tra il lavoro del front-end developer e quello del back-end developer: il primo si occupa della parte visibile di websites, blog, e-commerce e spazi web in genere, mentre il secondo dei meccanismi che sottendono quanto è visibile all'utente.

D'altro canto, diversi spazi web offrono la possibilità di acquistare o scaricare in demo programmi, tools e applicazioni di molti tipi, per computer fissi e dispositivi portatili compatibili con qualsiasi sistema operativo. L'accessibilità di tali componenti mediante una connessione Internet è conosciuta anche come cloud.

Che competenze deve avere un software developer?

Quello del software developer è un lavoro che va al di là delle abilità di programmazione: in altre parole, uno sviluppatore non è soltanto un programmatore. Al contrario di quanto si pensa si tratta di un mestiere creativo, nel quale l'ingegno è determinante non solo nella fase di pianificazione, ma anche in quella di risoluzione dei bug e di upgrade a versioni successive. Ecco le aree per cui sono necessarie delle conoscenze approfondite e una loro applicazione agevole sul piano pratico:

codici di programmazione più utilizzati

progettazione

• API

• sicurezza

• librerie

• framework

database

• sistemi di controllo

testing

• servizi web.

Quanto appena elencato ha un legame diretto con il livello di preparazione tecnica, ma esistono altre competenze molto utili:

• lavoro di gruppo

abilità logiche e critiche fuori dal comune

• precisione e orientamento al risultat

• capacità di problem solving.

Gli ultimi quattro punti rientrano nelle soft skills (o competenze trasversali), in quanto rappresentano un valore aggiunto indipendentemente dal mestiere.

Come diventare software developer?

Il primo passo è l'istruzione: conseguire una laurea triennale in Ingegneria Informatica è caldamente consigliato per diventare sviluppatore di software, mentre non è necessario per avviare una carriera da programmatore. Tuttavia, intraprendere un percorso accademico non è una tappa obbligata, poiché a livello legale basterebbe un diploma di scuola secondaria superiore nell'area tecnico-scientifica.

Un'altra strada per fare questo mestiere è la formazione post diploma presso istituti (pubblici o privati) e piattaforme accreditate come Develhope. Per gli aspiranti software developer la via del corso gratuito sul website (saldabile una volta trovato un impiego nel settore) è una grande opportunità per chi vuole specializzarsi senza iscriversi per forza all'università. Inoltre permette di seguire le lezioni online, con il vantaggio di avere una maggiore flessibilità di orario e di organizzazione delle proprie giornate.

Quanto al perfezionamento, una sapiente combinazione di seminari ad hoc e di esperienze sul campo è la soluzione ideale per diventare un tecnico di alto livello. In tale frangente risultano decisivi eventuali corsi di aggiornamento, specialmente per coloro che ambiscono a diventare professionisti qualificati e pluri-specializzati.

Quanto guadagna un software developer?

In base alle stime di Randstad, come lavoratore dipendente il software developer ha uno stipendio medio compreso tra i 24000 € e i 45000 €, limiti validi rispettivamente per le risorse umane senza alcuna esperienza e per i collaboratori affermati. Le cifre sono calcolate al lordo della tassazione e su base annuale, prendendo in considerazione i dati aggiornati alla fine del 2023.

Come sempre, i guadagni del libero professionista con partita IVA hanno una variabilità maggiore rispetto a quelli per gli impieghi continuativi nelle aziende. Chi ha appena iniziato il mestiere di sviluppatore di software o lo fa come secondo lavoro potrebbe non arrivare a 25000 € all'anno, mentre chi svolge quest'attività in modo intenso può intascare diverse migliaia di euro al mese.

Chi vuole iniziare una carriera come sviluppatore di software junior può trovare collaborazioni interessanti su Develhope. Grazie alla sua Talent Platform e all’ampia offerta formativa di corsi, gli utenti possono entrare nel settore della programmazione con tutti gli strumenti utili per lavorare fin da subito.

Saveria Spezzano

Saveria Spezzano

Product Marketing Manager @Develhope